28.8.12

Ribelle - The Brave - la Recensione


Echevidevodire?
E' un bel film della Disney.
Della Disney di Mulan, per capirsi.
Ma lo spirito Pixar del periodo d'oro, non è pervenuto.

Tanti buoni sentimenti, tanti caratteri femminili moderni, qualche gag divertente, un paio di canzoni.
Lo script è strambo. Molto lungo nel primo atto, sin troppo rapido negli altri due.
Meno sbagliato di quello, per esempio, di Cars 2, ma sempre segno della profonda crisi che sta passando la Pixar sotto il profilo della scrittura da Ratatouille in poi (e, infatti, anche questo film è stato pesantemente rimaneggiato in corso d'opera).
Il livello tecnico è sempre molto alto, anche se, questa volta, si è risparmiato sulle location (tre, in totale).

La cosa che fa più specie è che mentre la Pixar regredisce, la Disney mette la freccia e la sorpassa, perché il livello tecnico, di scrittura e artistico di Rapunzel è semplicemente su un altro pianeta rispetto a queste The Brave e il futuro Ralph Spaccatutto sembra un film decisamente più interessante e innovativo delle avventure della principessa rosso chiomata.

In conclusione: se ci volete portare le vostre bambine, fatelo. Si divertiranno. Se state cercando quel qualcosa che rendeva i film Pixar tanto speciali, passate pure la mano.

p.s.
la stereoscopia è inutile come al solito e penalizza un film che è composto, prevalentemente, di scene al buio.

p.p.s.
Nel film figura anche il grandissimo Steve Purcell. Ma, del suo tocco, io non ho visto traccia.