19.9.12

Accrediti Autore per Lucca. Bene, bravi, ma...


Lucca Comics & Games.

Premesso: io sono entusiasta del fatto che, da due anni a questa parte, anche a Lucca Comics & Games si possa fare richiesta online di un pass autore.
Era una grave carenza dell'organizzazione e costringeva gli autori a fare tarantelle assurde per ottenere un pass dal proprio editore.
Però, il sistema attuale non è che funzioni così bene.

Spiego.
Oggi, per accreditarsi a Lucca, devi andare sul loro sito e compilare la richiesta.
E fin qui, tutto ok. Come in qualsiasi altro festival.
Poi devi indicare almeno tre pubblicazioni e fornire materiale visivo (foto dei colophon o scansioni) che le attestino.
E qui sorgono i problemi.

Partiamo dal presupposto che tutta la procedura si basa su un'illusione di controllo perché, volendo, potrei contraffare qualsiasi scansione e accreditarmi come creatore dei Peanuts (e visto che QUI si specifica bene che chi si occupa dei pass non è, necessariamente, un esperto di fumetti, la cosa potrebbe anche funzionare), detto questo, a voler fare gli onesti, ci sono un paio di paradossi che vorrei evidenziare:

1
- il Paradosso Zerocalcare.
Zero Calcare è probabilmente l'autore italiano che, quest'anno, ha venduto di più in fumetteria e libreria di varia. Il suo libro è in vetta alle classifiche di Amazon ed è un fenomeno sul web.
Zero Calcare ha pubblicato un libro solo.
L'organizzazione di Lucca, in base al suo regolamento, non gli dovrebbe concedere il pass e Zero Calcare dovrebbe chiederlo al suo editore. Che forse non ce l'ha perché, per gli autori, la nuova procedura per il pass sembra che sia quella di cui stiamo discutendo qui.

2
- Faccio Movimento Per il Movimento... e non ho il pass.
Prendiamo il caso di un autore esordiente con il primo libro in uscita alla Lucca di quest'anno, invece.  Uno di quegli autori, seduti dietro alla stand a fare disegni per il pubblico della manifestazione per tutto il giorno.
Uno di quelli che è una delle ragioni per cui la gente viene a Lucca: incontrare gli autori e farsi fare un disegno.
Ecco, quell'autore è parte integrante dello show, ma non ha dititto al pass dalla manifestazione perché oggi non ha nessuna pubblicazione da scansionare (visto che il libro sarà pronto per Lucca e la richiesta per i pass va fatta in questo periodo), e comunque, anche se avesse il libro con larghissimo anticipo, non basterebbe perché ce ne vogliono tre di pubblicazioni (e torniamo al Paradosso Zerocalcare). E siamo da capo che è l'editore che ti deve procurare il pass.

Sembra un Comma 22, vero?

Insomma: bene, bravi, ottime intenzioni.
Ma non si potrebbe trovare un metodo più utile per voi e meno iniquo per gli autori?
Dai che Napoli Comicon lo ha già fatto.


*nota: Zerocalcare ha più di una pubblicazione non autoprodotta alle spalle (mi vengono in mente al volo il Canemucco e le pagine su XL), anche se l'Armadillo è il suo primo libro. Ma il succo del discorso è quello.

29 commenti:

Jenny ha detto...

A quanto mi risulta, Michele Rech può vantare anche altre precedenti pubblicazioni, oltre a quella del suo primo libro.
Immagino che sia salvo.

RRobe ha detto...

Grazie per la precisazione, Jenny.
Ora il discorso cambia.
*ironia*

RRobe ha detto...

Ah, sempre per essere precisi: le precedenti pubblicazioni non devo essere autoproduzioni.
Quindi devi controllare che quelle di Michele non lo siano.

Marco E. G. Maltese ha detto...

Ma mandare lo scan della carta di identità o del passaporto come per un qualunque sito per fare biglietti aerei no?

RRobe ha detto...

Devi dimostrare di essere un professionista per avere un pass autore.

RRobe ha detto...

Per Jenny: comunque, avevo ragione. Stavo dimenticando il Canemucco e XL. Il mondo è salvo.

RRobe ha detto...

"avevI ragione" non "avevo".

(in realtà, scusa sul serio).

Marco E. G. Maltese ha detto...

Dimostrare di essere un professionista... ok allora un professionista ha sicuramente pubblicato qualcosa.
Oltre a scan di documento ID, uno manda 4 o 5 titoli di pubblicazioni cui ha lavorato e magari scan delle copertine/terze pagine/ecc.

Marco E. G. Maltese ha detto...

Chiunque può mandare scan delle pubblicazioni, ma non dell'ID.
Gioco risolto.

Marco E. G. Maltese ha detto...

Il recaptcha del cazzo che è illeggibile 2 volte su 5.

RRobe ha detto...

Sì, Marco... ma il resto del post l'hai letto?
Il problema non è solo la sicurezza (che tu rendi ancora più complicata).

Marco E. G. Maltese ha detto...

Sì ho letto... e Zero Calcare manderà il link al suo sito con link a sito di statistiche contatti e link o documentazione di copie vendute del suo libro.

Jenny ha detto...

RRobe, che palle...
Se vuoi inimicarti anche chi non ti ha mai fatto un torto che sia uno e che anzi, solitamente sostiene con piacere le tue produzioni, dillo pure.
Ma che tu reagisca in maniera tanto astiosa ad una semplice precisazione, nemmeno inesatta, è da idioti.

Vuoi che ti dia ragione?
Te la do: il regolamento che si fonda su una sorta di contabilità pare essere penalizzante nei confronti di una certa fetta di autori.
Ma datti una calmata, ché a fare il bullo in ogni occasione non ci guadagni nulla.

Alister ha detto...

certo che è una bella gatta da pelare. avrebbero sicuramente potuto essere più elastici da questo punto di vista.

p.s. sono leggermente off-topic e me ne scuso ma che voi sappiate per l'accredito stampa bisogna essere esclusivamente "giornalisti professionisti"? o rientrano anche i "pubblicisti"?

RRobe ha detto...

T'ho chiesto scusa, Jenny.

Jenny ha detto...

Leggo or ora le tue scuse.
Grazie.
questione chiusa, per me.

Marco E. G. Maltese ha detto...

Faccio Movimento per il Movimento si farà fare un cazzo di pass dal suo editore o chi per lui insomma... tu che faresti, Robé?
Una modalità per registrarsi e non far registrare burloni e bimbiminchia deve pur essere attivata.

RRobe ha detto...

Per Alister: se badi, nel pezzo c'è un link che rimanda a tutte le FAQ.

Jenny ha detto...

P.s.: E' colpa di questo cazzo di "Dimostra di non essere un robot".

RRobe ha detto...

Per Marco: a Napoli non c'è. A NYC non c'è. E funziona tutto bene.

Marco E. G. Maltese ha detto...

Vuoi dire che non gli interessa se gli sfuggono un paio di centinaia di biglietti di morti di fame che si registrano come autori per entrare gratuitamente?
Forse a Lucca son più taccagni, non so :D

Drugo ha detto...

Se invece di pagare un minchia qualunque mettessero al controllo un esperto di fumetti, non credete che già di base ci sarebbero meno furboni? Grazie che devi mandare tre pubblicazioni...dall'altra parte del filo c'è un esperto di tagli di macelleria che controlla le scansioni!

nuvoleonline ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marco E. G. Maltese ha detto...

Drugo quella soluzione sarebbe troppo semplice, non può essere presa in considerazione.

nuvoleonline ha detto...

Così per la cronaca oltre alla miriade di autoproduzioni (che non contano per lo scopo) ed il paio di pubblicazioni citate qui, ZeroCalcare è presente almeno in tre antologie Sherwood Comix (una per BeccoGiallo, una per NPE e una per NdA) e nel volume GEvsG8 (sempre NdA). Direi che il ragazzo può stare tranquillo.

Fine piccolo spazio pubblicità,
saluti,
c.

Mauro Padovani ha detto...

devo darti ragione...per me non è stato facile, visto che non ho molte pubblicazioni (molti sono autoprodotti) e di alcuni non so più neanche dove ho messo la copia...

Ted ha detto...

Dopo aver letto questo post ho comprato i due libri di Zerocalcare (Polpo alla gola è uscito proprio oggi).

Fabio D'Auria ha detto...

Non è che alla NYCC non fanno controlli, devi comunque scrivere per chi lavori e cosa fai, poi esistono i database online dove trovi anche i letteristi e controllare i nomi è un attimo, sicuramente più "lento" per chi controlla rispetto ad una jpg, ma tutto è più fluido.

h1cks ha detto...

Che poi nel form non sono contemplati nemmeno editori stranieri, quindi se uno pubblica regolarmente fuori e magari per editori italiani ha solo 1 pubblicazione in uscita non riesce nemmeno a compilare la domanda