22.9.12

Magic Mike - la Recensione -




Non badate troppo a come, in Italia, stanno cercando di piazzare il film: Magic Mike non è un Full Monty con i fighi, non è un film strappamutande per le ragazzine e non è nemmeno una spensierata commedia.
Magic Mike è un film di Soderbergh dall'inizio alla fine.
Nella regia, a tratti sciatta, a tratti elegantissima.
Nella fotografia, sempre eccezionale.
Nel montaggio discontinuo (vero marchio di fabbrica del regista).
E lo è, sicuramente, nella storia, che si inserisce più nella corrente di film del regista come The Girlfriend Experience, Full Frontal e, strano a dirsi, Sesso, Bugie e Videotape, che ad altro.
E' un bel film?
Abbastanza.
Non tra i migliori di Soderbergh (in cui io inserisco il già citato Sesso, Bugie e Videotape, Out of Sight, Ocean Eleven, Erin Brockovich, Traffic) ma nemmeno tra i peggiori (Solaris, Ocean Twelve, Contagion).
E' un film ben scritto, dalla trama semplice e scontata ma non esile, graziato da un paio di ottime interpretazioni (Channing Tatum, che si porta il film sulle spalle e sulle natiche e uno straordinario e rinato Matthew McConaughey) con una bella colonna sonora e con un aspetto visivo che, come da tradizione di Soderbergh, è quanto più fighetto e alla moda possibile.
Un paio d'ore piacevoli, meno leggere di quello che si possa pensare, e ben girate.
Consigliato.

17 commenti:

Obi-Fran Kenobi ha detto...

"e uno straordinario e rinato Matthew McConaughey"

http://2.bp.blogspot.com/-WFydB9T8ooQ/T7huUHW4fsI/AAAAAAAACGI/i7FBEI5Y_30/s1600/meme-impossibru.jpg

Manfredi Pumo ha detto...

SodeRbergh. Scusa.

RRobe ha detto...

Done.

werther dell'edera ha detto...

Soderbergh - fotografia eccezzionale? Cos'è un ossimoro?

S3Keno ha detto...

Non tra i migliori (ne citi alcuni) e nemmeno tra i peggiori (ne citi altri): ma il suo doppio "Che" dove lo piazzi, per curiositá?

Athanasius Pernath ha detto...

a proposito di Matthew McConaughey, qualcuno sa come cazzo si fa a vedere "Killer Joe" e/o se lo distribuiranno mai somewhere?

Marco Bertoli ha detto...

Che cosa intendi con «montaggio discontinuo»? Il montaggio non è discontinuo per sua essenza?

RRobe ha detto...

Per Marco: scusa, mi sono espresso male, evidentemente.
Avrei dovuto scrivere: il flusso del montaggio discontinuo. Quei continui stacchi in avanti, rimanendo nella stessa inquadratura, che Soderbergh fa sin dall'inizio della sua carriera.

RRobe ha detto...

Per S3keno: direi nei film medi. Mi pare ovvio se ho indicato da una parte i migliori, e dall'altra i peggiori, no?

RRobe ha detto...

per Werther: un film di Soderbergh lo riconosci dalla prima scena. Ha portato un tipo d'immagine, al cinema, che è diventata mainstream vent'anni dopo.
Dai.

werther dell'edera ha detto...

per me è la quintessenza della cazzonaggine di instagram. in più, narrativamente parlando, usa la fotografia come un bambino scemo 'allora, il messico è giallo perché fa molto caldo lì. washington la facciamo blu perchè la politica è fredda...' mavaffanculova soderbergh di staminchia! te la ricordi la fotografia di knockout? mi ha irritato come solo lui sa fare! diciamocelo è una fighetta inutile, gioca nella stessa categoria di Bay e sta ultimo in campionato. vai Bay che vinci anche quest'anno!

henry angel ha detto...

...E per quanto riguarda il montaggio a "flusso discontinuo" A Bout de Souffle di J.L.Godard è del 1960.

Viviana Boccionero ha detto...

Ehi RRoby, che cosa fanno Steven SodeRbergh, Matthew McConaughey, Pierce Brosnan, Arnold Schwarzenegger e Emma Bovary in una carrozza? Fanno... The Unpronounchables.


Madame B. (che cosa intdi con «montgio disntnuo»?)

RRobe ha detto...

Per Henry, verissimo.

enrico ha detto...

Piaciuto molto.
Parte che mi sembrava una commedia e poi, via via, ho iniziato a provare con Mike repulsione per quello che faceva, per il circolo vizioso in cui s'era cacciato.
Magari ha tagliato questa evoluzione un po' con l'accetta ma non ho sentito una persona non essere coinvolta e non uscire soddisfatta dalla sala.

il decu ha detto...

Tu THE LIMEY neanche lo nomini?
...

zorba ha detto...

mi trovo d'accordo con werther sulla fotografia soderberghiana. il fatto che sia riconducibile a lui non significa neessariamente che sia di qualità, la trovo orribile, pesante, patinatissima. anche se non sempre l'ha curata lui.