25.12.12

Il senso del duemiladodici. ATTENZIONE: contiene romanticismo.

IN EDICOLA E IN LIBRERIA

 QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più. 

QUI per saperne di più.

 QUI per saperne di più.

 QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più.

 QUI per saperne di più
QUI per saperne di più.

QUI e QUI per saperne di più.


VARIE

QUI per saperne di più.


QUI per saperne di più.













 QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più.


QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più.

QUI per saperne di più.


Anno interessante questo 2012.
Al punto che non saprei ben dire per cosa lo ricorderò.
E' l'anno in cui ho iniziato a scrivere Tex (ma la mia prima storia credo che la leggerete nel 2015). Ma è pure l'anno in cui ho smesso di scrivere Dylan Dog (ma qualche storia deve essere ancora pubblicata).
E' anche l'anno in cui, dopo novantanove numeri, ho chiuso con John Doe e con tutta una mia fase della vita.
O forse, nella mia mente, questo sarà ricordato come l'anno di Asso e di tutto quello che ha significato e comportato.
Oppure l'anno in cui, per la prima volta, m'è stata dedica una deliziosa mostra personale.
O l'anno in cui il blog è esploso, arrivando a fare i numeri di un piccolo portale dell'intrattenimento.
Oppure, questo sarà l'anno che ricorderò per La Redenzione del Samurai, la prima di una serie di storie di cui sono molto, molto orgoglioso.
O ancora, ricorderò il 2012 come l'anno in cui sono tornato al mio amore originale, il tavolo da disegno e in cui ho realizzato un libro tutto mio, facendo anche tante illustrazioni che, sorpresa, sorpresa (del sottoscritto, prima di tutto), sono state vendute molto bene.
O l'anno in cui sono apparso più spesso sui siti e le riviste specializzate e sui portali, le riviste e i quotidiani generalisti.
O l'anno di cose così segrete che non vi posso dire ma che occuperanno gran parte dell'anno che verrà.

Ma, se proprio lo volete sapere, la ragione per cui ricorderò il 2012, è altra.
Questa nana qui sotto.
Che mi ha costretto a combattere con un sacco di robe da cui prima ero sempre scappato e mi ha permesso di scoprire che, se ci tengo davvero, so restare fermo e, tutto sommato, saldo, al mio posto. E per me è una scoperta grossa, fidatevi.


Sei il senso di tutti gli sforzi, rompicoglioni mia.

E il fatto che tu abbia anche un bel culo, è solo un extra. Non la ragione ultima.
Tzè.

(e sì, lo so: mi ucciderai per aver postato tue foto sul mio blog).

7 commenti:

Allez ha detto...

Complimenti davvero. Per tutto, direi.

andrea voglino ha detto...

Congratulazioni. Soprattutto per l'ultimo paragrafo.

Giorgio Salati ha detto...

Ne hai fatta parecchia di roba, eh! Complimenti!

Ti dirò, di tue cose ce ne sono alcune che mi piacciono di più e altre di meno, non conosco tutto quello che hai scritto, ma la Redenzione del Samurai è effettivamente fra le tue storie probabilmente la migliore che ho letto finora.

Nebo ha detto...

Eh sì, avere a fianco la donna giusta è più produttivo di un intero staff di agenzie stampa.

Massy ha detto...

Un anno ottimo come punto di arrivo e partenza.

PS
Il bilancione di fine anno ci sarà vero?

Viviana Boccionero ha detto...

In culo alla balena, RRoby!


Poesia

Rosemary, baby,
6 mia, tzè!
Ieri era ieri,
e...
BASTA SKIFEZZE!
Coming Soon:
farro e flebi.

(Flebi...?)

Marco Rizzo ha detto...

mi piace tanto quel romanticone del rrobe 2.0!