27.2.13

Tex Cinque Stelle


Prendiamola a ridere, va.

Alcune Liste Civiche stanno cercando rappresentati per il settore cultura, in particolare legati al fumetto, che ne facciano l'interesse e ne avallino le proposte.
Il portavoce di queste liste, Carlo Bocchio (che è un illustratore ma, si sa, c'è grossa confusione), si è fatto portavoce e tramite, e sta chiedendo a fumettisti e lettori di organizzarsi sia per scegliere eventuali soggetti di riferimento, sia per fare proposte da sottoporre al movimento.

Adesso, io, cogliendo la palla al balzo di questo grande fermento, di questo cambiamento incombente, ho deciso di farmi avanti.

Ecco quindi la lista delle mie proposte.


• Abolizione delle case editrici

• Abolizione del reso da edicola

• Accorpamento del fumetto popolare con il fumetto d'autore

• Abolizione della gabbia

• Insegnamento della storia del fumetto ed esame obbligatorio per ogni fumettista

• Limite di due albi Bonelli o di due graphic novel per qualsiasi autore di fumetti

• Eliminazione di ogni privilegio particolare per i fumettisti, tra questi, il diritto a svegliarsi all'ora che gli pare, alla mattina.

• Pagamento a pagina stabilito secondo il principio del Libanese: stecca para per tutti.

• Divieto di cumulo delle testate per i fumettisti (esempio: non si può scrivere Tex e Topolino)

• Non eleggibilità a fumettista per chi sorpreso a ricalcare foto o copiare trame

• Partecipazione diretta a ogni incontro redazionale da parte dei lettori via web

• Abolizione dei diritti d'autore

• Referendum sia abrogativi che propositivi senza quorum per stabilire se sia più forte Hulk o la Cosa o quesiti similari (e la risposta giusta è Hulk)

• Obbligatorietà della discussione sul forum di Comicus per la programmazione degli albi in edicola

• Approvazione di ogni strategia editoriale subordinata al rispetto della continuity

• Trame e anteprime rese pubbliche on line almeno tre mesi prima della loro pubblicazione per ricevere i commenti dei lettori

INOLTRE.
Vogliamo che ci siano le telecamere sul tavolo di ogni disegnatore e dietro lo schermo di ogni sceneggiatore. Che se li becchiamo a copiare li mandiamo al confino.

INOLTRE
Vogliamo che le pagine a fumetti, da oggi in poi, siano disegnate con matita copiativa precedentemente inumidita. Che non si cancelli un cazzo.

INOLTRE
Quelli che aderiranno a questo movimento, si impegnano sin d'ora a restituire i diritti sulle royalties.

CACCIAMO VIA I MEFISTO DAL FUMETTO!!!
SVEGLIA!!!|!1!11


p.s.
(La prima parte del post, per quanto assurda, è vera. Sul resto, per i sottotitolati del web, è *ironia*).