22.4.13

Altra perla da Internet: UBC si lamenta che il mondo va avanti e loro non riescono a stargli dietro.

Copiato e incollato da QUI.



Ultimamente, sta diventando sempre più complicato riuscire a realizzare un articolo di anteprima che abbia contenuti esclusivi o quanto meno inediti.



Quasi tutti gli autori di fumetti, ma anche le case editrici, infatti, si sono ormai attrezzati con siti personalizzati, blog, profili Facebook, Twitter, Pinterest e chi più ne ha più ne metta, cercando di dare in questo modo maggiore/migliore visibilità ai propri lavori.



Eppure, spesso e volentieri, sembra che riescano a complicare la vita degli avidi ricercatori di novità con notizie e immagini a go-go spesso frammentate e non collegate tra loro.


Da tutto ciò, pertanto, ha preso forma l'articolo che segue con cui abbiamo cercato di dare ordine a tutto quello che siamo riusciti a "recuperare in rete" relativamente al prossimo Dylan Dog Color Fest in uscita martedì 23 apile.

Vi lasciamo alla lettura dell'articolo ricordandovi di cliccare sulle immagini (di cui per ognuna è citata la fonte) per vederle ingrandite, con la speranza che l'esperimento possa ricevere il vostro gradimento.







Segue un articolo che è un Ctrl/C, Ctrl/V dei contenuti trovati sui blog degli autori e sul sito della Sergio Bonelli Editore, senza nessun approfondimento e con i link e le fonti indicate male (come nel caso delle segnalazioni a Liquida,  che è un aggregatore che non fa altro che prendere i materiali dalle fonti originali in giro per il web).

In compenso, in calce,c'è questo:


Certo. Il famoso Dylan Dog Color Fest di 100 pagine in bianco e nero e della Star Comics.
5 righe, tre errori GRAVI.

Ma capisco che con tutto il disturbo che il curatore di questo articolo si è dovuto prendere, poi non poteva stare a badare a tutto.


Aggiungo.
Non solo il materiale è preso tutto da altri siti, ma quelli di UBC che fanno? Se ne appropriano e ci mettono sopra il loro marchio, così quegli stronzi del web non gli possano RUBARE LE COSE!!
(Inutile star a notare che UBC è quel sito che pesca le immagini da CBR, taglia via il loro logo e lo sostituisce con il proprio...).

Seriamente...

Punto primo: 
 - è compito di un giornalista procurarsi materiale originale, in anteprima, inedito o in esclusiva.
 La ragione prima perché UBC fa fatica a reperirlo è perché il loro portale fa pochi contatti e dare materiale inedito a UBC significa buttarlo, in termini di visibilità.

Punto secondo:
- non si è mai sentito che un giornalista si lamenti del fatto di avere troppo materiale a disposizione e che poi gli costi fatica ordinarlo. In teoria, questo sarebbe il suo lavoro.


Punto terzo:
- ciao, siete su Internet. Evolvete o estinguetevi.