22.4.13

Come scrivere una graphic novel - o dei disastri che, certe volte, un termine comporta -

Copiato e incollato da QUI.

Una Graphic Novel è un lavoro narrativo simile al fumetto dove le storie sono più complesse e più vicine ad un romanzo. Viene scritto e disegnato pensando ad un pubblico adulto, e la differenza rispetto aifumetti consiste nel fatto che ha un inizio e una fine, cioè è un'opera completa. Dal punto di vista dellasceneggiatura e del disegno, ha un approccio più sperimentale, e una maggiore attenzione all'aspetto psicologico. In questa guida impareremo come si fa a scrivere una Graphic Novel.

1
Come per un romanzo, il fattore importante per una Graphic Novel è la storia, per cui dovrete lasciar correre la vostra immaginazione e mettervi a scrivere. Usate per questo un programma come Wordoppure Open Office Writer. Per ogni pagina della vostra Graphic Novel dovrete scriverne una nel vostro word editor, specificando ilnumero, i colori, e le particolarità della pagina stessa . Dovrete anche descrivere la scena che poi verrà disegnata e colorata, con i dialoghie le didascalie. In ogni vignetta ci potrà essere solo un dialogo tra due personaggi, le nuvolette con le parole portano via molto spazio e ne resta poco per il disegno. Ovviamente questa è una regola che ha le sue eccezioni. Come già detto, l'aspetto psicologico deipersonaggi è importante, perché dovrete farli conoscere da subito. Nei fumetti, invece, questo è un problema secondario, vista laserialità e la possibilità per i personaggi di farsi conoscere poco alla volta.



2
Un modo per rendere interessante la vostra storia, potrebbe essere quello di caratterizzare i personaggi con una frase d'effetto, che riesca a rendere il personaggio stesso unico e attraente. Dividete le azioni,che avete pensato per ogni pagina della vostra storia, nelle varievignette, rispettando una regola non scritta delle sceneggiature perfumetti. Questa regola è che ogni tavola dovrebbe avere uncrescendo, dovrebbe iniziare con una problematica da risolvere e finire con un colpo di scena, in modo da creare una suspence che tenga il lettore incollato alla storia.

3
L'assoluta bellezza del creare libri con fumetti, è che potete inventare tutto ciò che vi piace.
Nelle sceneggiature per i film bisogna tenere conto del budget, dei limiti fisici e del paesaggio reale.
In una Graphic Novel, invece, potete immaginare paesaggi che nella realtà non esistono,personaggi che volano e che riescono a superare le leggi fisiche. 

4
Dopo aver scritto la sceneggiatura per la vostra Graphic Novel, dovrete pensare ai disegni, quindi dovrete contattare un disegnatoreoppure disegnare voi stessi tutti i fumetti. C'è un sito che può risolvere facilmente questo problema, ed è anche in italiano. Si chiama Pixton, e consente di creare fumetti online. Dopo aver scritto e disegnato, la vostra Graphic Novel è pronta per essere pubblicata.



22 commenti:

Irina ha detto...

Interessantissimo! Nel bene e nel male...

dario tuis ha detto...

sembra semplice.

The Passenger ha detto...

aspetto che su quel sito postino "come coltivare la marjuana e gli innesti con gli alberi da frutta"

Planetary ha detto...

Stiamo già camminando fra le macerie mi sa.
Ma il punto, secondo me, non è che un oscuro sito scriva sciocchezze simili (non del tutto almeno).
La cosa più preoccupante è che anche chi è addentro cominci a pensare cose tipo "Non è importante come lo chiami, l'importante è che poi la gente i fumetti li legga". Ecco, questo è più devastante, un relativismo cieco e incosciente.

Jabbawack ha detto...

Meno male che io voglio fare fumetti.
Li non ci sono queste cose complicate come scrivere la sceneggiatura, pensare a dei bei dialoghi, fare un approfondimento psicologico e via dicendo.

Skull ha detto...

ahahahhahahahahahahahhahahah!!!!

Slum King ha detto...

RRobe e pensa che c'è gente che poi scrive libri e fumetti seguendo ste stronzate.
Ma il peggio non sono loro ma chi li pubblica :-P

Gio Crippa ha detto...

Colgo dell'ironia.

Cavuccio ha detto...

Ma è stato scritto con qualche software particolare? Tipo "generatore casuale di manuali per tutto"??

Sul serio, non parlo di intendere male il fumetto o le graphic novel ... ma proprio di coerenza di contenuto del testo.

il sito si chiama...nonsolocultura forse era da intendersi con non c'è solo la cultura ma pure l'ignoranza. Perchè pure gli altri materiali ivi contenuti destato raccapriccio.
Dai forse è solo un sito per ragazzi delle elementari che devono fare ricerchine...

ditemi che è così vi prego

LRNZ ha detto...

Madò! Ma spacca veramente troppo il culo! Voglio il carteggio segreto fra Marina Orfei e Scott McCloud, ti prego.

Giuseppe Lo Bocchiaro ha detto...

ma diosanto!!! hihihi e mi raccomando, usate word! se no non viene bene 'sta minchia di graphic novel.

Barbaking ha detto...

LoL!

Efesto ha detto...

E io che ancora leggo quelle scritte dagli altri

Manfredi Pumo ha detto...

Geniale. Parte descrivendo le graphic novel come fumetti "seri", poi suggerisce di usare frasi a effetto e "tenere il lettore incollato alla storia" e infine consiglia di usare un software per i disegni. Una discesa nell'orrore.

Mondorama ha detto...

Una Graphic Novel è un lavoro narrativo simile al fumetto...io scendo qui.

MicGin ha detto...

è il termine (l'uso del termine) che comporta il disastro o sono la mentalità e l'approccio dei nostri tempi che riescono a trasformare una categoria merceologica, un brand commerciale in un genere codificato (in questo caso alla carlona)?

il testo in questione è fuffa per attirare curiosi e ingenui.
è un dato di fatto che il "marchio" graphic novel funziona e consente ai fumetti così etichettati di trovare spazi preziosi.

il Silvano ha detto...

Grazie ai consigli del sito, ieri ho pubblicato la mia prima gràfic novell. L'ho intitolata "IL TIPO CHE DICE SEMPRE EHI RAGAZZI HO FATTO BINGO".

Marcello Consigli ha detto...

Minchia! Neanche fossi Eisner... io imparerei da qualcuno che sa inventare storie e non da uno che se la cavicchia con le sceneggiature... nemmeno tanto brillantemente...

RRobe ha detto...

Mi sa che hai letto distrattamente, Marcello. Non è un testo mio.


Madonna santa, i troll...

Marcello Consigli ha detto...

Peccato... ti si addiceva perfettamente...

Joachim ha detto...

Unbelievable

Enzo ha detto...

Ma chi l'ha scritto?
Un bambino?
Un pazzo?
Un bambino pazzo?
'Diventa fumettista in 4 mosse'.
Anzi, non 'fumettista'.
'Graficnovellista'.
Che è diverso.