9.4.13

Game of Thrones - il Trono di Spade - S03E02


- Usa le stesse tecniche narrative di una soap (con l'unica differenza che almeno, nelle soap, gli archi narrativi dei vari personaggi si incrociano spesso mentre in questa terza stagione di GoT, per ora, non succede mai).

- Ha valori produttivi non di molto superiori a quelli delle soap (se in una puntata ci sono degli effetti speciali, le due puntate successive devono essere girate ai pratoni der Vivaro per stare nel budget).

- Ha i ritmi si una soap (con la differenza che le soap ti danno una quindicina di minuti ogni giorno e GoT meno di cinquanta una volta alla settimana, con tutto quello che ne consegue in fatto di ritmo della narrazione).

- Ha la raffinatezza registica di una soap (campo e controcampo e se gli scappa un totale, tutti a mangiare pane e cipolla per una settimana).

- A differenza delle soap, è scritta molto, molto bene, e recitata meglio.

Di fatto però, trattare GoT come un capolavoro della televisione USA è profondamente ingiusto e antistorico.
Perché GoT è il pleistocene della narrazione televisiva. Un dinosauro che nega anni di E.R., NYPD, The Sopranos, The Wire, The Shield, 24, Mad Men, Rome, West Wing, Breaking Bad, Six Feet Under, per ripiombarci nell'epoca di Sentieri e Beautiful.
Poco importa quante tette, culi, sperma e sangue ci facciano vedere: questa serie è la restaurazione di un modo di raccontare le storie obsoleto, vecchio, poco corretto e (alla lunga) deleterio.

Ma, per il momento, è divertente. Quindi, godiamocelo.

Puntata numero due, dicevamo.
Di rilevante, non è successo nulla di particolare.
Gente che cammina e chiacchiera. Gente che sta ferma e chiacchiera. Gente che incontra altra gente e chiacchiera. Zero tette. Un pompino fuori campo. Una bella (ma breve) scena di combattimento su di un ponte tra Sawyer e Rutger Hauer.
Grosso modo  è tutto.
Tanti saluti, ci vediamo la prossima settimana.

Ve lo dico da lettore dei libri: abituatevi a questo stile di narrazione perché, a meno che non abbiano fatto stravolgimenti profondi (che forse sarebbero serviti), si andrà avanti così fino alla fine. E sarà sempre peggio.

Aggiungo una nota di vivo disappunto: Natalie Dormer ha recitato sempre nuda e in scene di sesso spinto in qualsiasi produzione sia stata coinvolta e su GoT, la serie che del nudo e delle scene di sesso spinto ha fatto una bandiera, ci fa vedere solo le tette nella seconda stagione?
Siete diventati pazzi, forse?!