14.5.13

Game of Thrones - il Trono di Spade - S03E07



Meglio.
Meglio e peggio.
Meglio perché il livello di coerenza e coesione è aumentato rispetto alle prime puntate e adesso le varie scene, se non legate da un flusso narrativo interconnesso, sono almeno unite l'una con l'altra da un discorso generale sensato (almeno nella maggior parte dei casi) e coerente.
Peggio perché, a conti fatti, continuiamo ad assistere a scenette.
Certo, una scenetta dopo l'altra, a sommarle tutte, la trama viene fuori. Ma i singoli episodi continuano a mancare di una "spina dorsale" che lasci il segno.
In sostanza, scavando nelle memoria, non riesco a isolare il ricordo di un singolo episodio di questa stagione (con l'eccezione, forse, di quello che ha preceduto questo). Questo potrebbe essere un problema come anche no. Molto dipende da come si fruisce la stagione e da cosa si cerca da un prodotto di intrattenimento.
Detto questo, continuo a stupirmi di quanto la HBO con GoT (e con Girls) stia spostando il limite di quello che si può e non si può mostrare al grande pubblico (e il fatto che sia un programma via cavo riduce solo marginalmente la questione).

Ultimo appunto, permangono le solite perplessità su alcuni aspetti della messa in scena: possibile che non ci fosse il modo di mettere a schermo qualche decina di comparse in più nelle scene con John Snow e i bruti? Sembra che stiano andando ad assaltare Castel Black in cinque.