24.5.13

Game of Thrones - il Trono di Spade - S03E08


In ritardo ma l'ho vista.
E che non si dica mai che permetto alla vita reale di mettere in secondo piano le cazzate.

Dunque, non è che ci sia poi molto da dire.
La chiave narrativa della stagione ormai è chiara, come è chiaro che, a conti fatti, tutta l'opera sarà giudicabile solo nel suo insieme e non nelle singole parti.
Come ottavo tassello di questo arazzo, la puntata non delude.
Ha un bel ritmo, alcune belle sequenze, i soliti meravigliosi dialoghi, delle interpretazioni sempre di primissima classe. Aggiungiamoci pure fotografia, luci e color correction di altissima classe e una messa in scena che ha mascherato bene i limiti di budget di quella che, comunque, rimane una serie televisiva, e il gioco è fatto.

A margine:

- Arya che se ne va a spasso con il Mastino è uno dei miei momenti preferiti dell'intera storia ed è stato reso benissimo.
(no, dico... ma quanto è simpatico il Mastino?)

- La capacità di chi fa il cast di questa serie di trovare sempre l'attore giusto è sorprendente.
(voglio una serie solo su loro tre)

- Il grado di nudità, scene di sesso esplicite e volgarità nei dialoghi ha toccato una nuova vetta. Mi chiedo fino a dove si spingerà la HBO.
(e questo è niente, giuro)

- Se ve lo state chiedendo (e io me lo sono chiesto), l'attrice che interpretava la prostituta nel campo dei mercenari si chiama Talitha Luke-Eardley.



- Forse la mia memoria mi tira brutti scherzi ma ho l'impressione che le divergenze con i romanzi stiano aumentando in maniera rilevante. E questo è un bene.