10.9.13

Scritti nella Sabbia

pezzo apparso per la prima volta nel numero di luglio-.agosto 2013 della rivista XL.


Nella mia vita, ho ricevuto insulti di tutti i tipi. Il mio fisico è stato insultato. Il mio carattere è stato insultato. La mia famiglia è stata insultata. Persino il mio cane ha avuto la sua buona dose di epiteti. L'insulto che però, tra tutti, mi ha colpito di più, è stato quello di un anonimo wannabe (un aspirante fumettista) che mi ha detto “sei scritto nella sabbia”. Che significa che adesso ci sei ma che, tra un attimo, non ci sei più e domani nessuno si ricorderà di te. Ora, io non so se sono scritto nella sabbia ma, nel dubbio, sto cercando di lasciare il mio nome ovunque mi capiti, giusto per scongiurare l'evenienza. Ma perché vi sto discendo questa cosa? Perché gli amici sono quelli che devono dirti che il taglio di capelli che ti sei fatto ti fa apparire un idiota. E se non lo fanno, non sono amici. Ecco, Diego Malara, coordinatore edioriale della etichetta 9L della Panini Comics, oltre che collaboratore di lunga data della rivista che tenete tra le mani, è pure un mio amico personale.
E, appunto perché siamo amici, adesso mi tocca dirgli qualcosa di antipatico. Sia chiaro: è per il suo bene. E per il bene del fumetto tutto.
Diego, tu e la Panini avete appena pubblicato un capolavoro come Tale of Sand di Jim Henson, Jerry Juhl e di quel genio del fumetto di Ramon K. Pérez, e lo avete pubblicato in un'edizione di straodinaria fattura (anche se il prezzo è un poco altino, diciamolo). Insieme a questo titolo, avete già dato alle stampe altri libri fantastici come Freud di Corinne Maier e Anne Simon, Jerusalem di Nick Bertozzi e Boaz Yakin, Essex County di Jeff Lamire. E tra poco il vostro catalogo si arricchirà anche dell'edizione definitiva di Love & Rocket dei fratelli Hernandez e di un mucchio di altra roba. Io potrei essere un vostro fan e, come me, molti altri. Ma se vi ostinate a non farlo sapere a nessuno che state facendo questi fumetti, se li gettate nel vodtro tritacarne produttivo, trattandoli al pari di un qualsiasi fumetto di supereroi usa e getta, se vi intestardite nel cercare di venderli nei canali sbagliati, finirà che tutti questi splendidi volumi, spariranno nel nulla. Cancellati come una scritta nella sabbia, appunto.

Perché la Panini ha dalla sua una potenza di fuoco enorme e non fa fatica a replicare la forma e la linea di quanti, in un determinato settore e con un certo tipo di opere, stanno già avendo successo. Il problema è l'amore. E quello, mi dispiace, ma non si può comprare.
Dategli amore a questi libri. E loro ve ne daranno a loro volta.



10 commenti:

Matteo Pasi ha detto...

E non dimentichiamo anche "La via raggiante del Kung Fu infinito" di Kagan. Quello che dici è verissimo.

Slum King ha detto...

Sei invecchiato RRobe.
Una volta questo sarebbe stato, scevro da metafore, un Nano in Fiamme.

RRobe ha detto...

Hanno minacciato ritorsioni già così com'è, figurati se lo facevo polemico.

Tyler ha detto...

Ritorsioni maddechè ? E'l'archetipo della critica costruttiva. Magari offendessero me, dicendo che faccio capolavori, ma non li valorizzo appieno!
Piesse.
Mr. Niceguy si vede di rado da queste parti. Non sciupassero il regalo. :D :P

LO-Resto ha detto...

Ritorsioni?? Concordo con Tyler. E' il problema di chi detiene le redini del comando su qualsiasi cosa: forti del loro "potere" diventano ciechi e sordi. Ma è anche una storia vecchia come il cucco...

Fuz ha detto...

Ritorsioni? Gli hai appena fatto una pubblicità mica da poco.

Joey K. ha detto...

quello che dice Fuz è stravero, io sono andato dritto sul sito della Panini a comprarmi gli arretrati dopo questo tuo post!

RRobe ha detto...

Spiegatelo a loro :D

Filoberto Alamari ha detto...

applauso!

[_-_] ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.