22.8.14

Di come il caso di Manara e della sua cover di Spider-Woman sia esemplificativo dei mali del web.

Sia chiaro, parlerò dello "scandalo" della copertina di Manara per la Marvel, solo perché è un esempio perfetto di come funzionano le cose in ambito comunicativo nel mondo dei social 2.0.

Dunque, cercherò di essere rapido.

- La Marvel incarica Manara di realizzare una copertina variant per la nuova serie di Spider-Woman.

- Manara realizza questa copertina qui.



- Un sito USA di intrattenimento al femminile, critica fortemente questa copertina. E motiva queste critiche in maniera ben circostanziata.

- Altri siti (quiqui e qui, tanto per dire) approfondiscono il punto, spiegando perché quella copertina è sbagliata dal loro punto di vista.

- Badate che nessuno dei siti grida allo scandalo sessuale. Semplicemente fanno tutti notare che nell'ambito di quel nuovo approccio alla figura dell'eroina che la Marvel ha recentemente sbandierato ai quattro venti (ci ha proprio fatto sopra un panel all'ultima San Diego), l'idea di affidare la loro nuova serie di punta dedicata a un personaggio femminile a Greg Land (uno che, notoriamente, per realizzare le sue donnine ricalca set di fotografie di film pornografici) e la sua variant cover a Milo Manara, non è proprio un'idea brillante.
La Marvel guarda e desidera quel pubblico femminile che sta premiando serie come Saga, ma pare proprio non aver capito come raggiungerlo. 

Questa è la "notizia". Che sarebbe anche un buono spunto per far nascere discussioni interessanti sull'uso della figura femminile del fumetto supereroistico e su come taluni abbiano capito in che direzione muoversi mentre altri proprio no.
Ma cosa diventa in Italia questa notizia una volta che inizia a circolare su Facebook in una ridda di condivisioni?

- Che gli USA bigotti censurano il grande artista erotico italiano.

- Che negli USA dicono che Manara non sa disegnare.

- Che se ci mettevano Spider-Man in quella posa nessuno si scandalizzava.

- Che i fumetti USA sono pieni di personaggi femminili in pose del genere.

- Che è tutta un'operazione di marketing voluta dalla Marvel stessa (grazie, Beppe Grillo: non ti sarò mai abbastanza riconoscente per aver istillato nella gente la retorica del complottismo).

E nessuno, NESSUNO, si prende la briga di andare a leggere gli articoli originali e capire di cosa si sta parlando davvero.

Ecco, questo è il web.
E si badi, la storia di Manara e della Marvel è una cazzata, ma vale per qualsiasi altra cosa.


EDIT: e alla fine, arriva anche il Corriere.it.
Che scrirve un pezzo alla pari con lo stato di un qualsiasi utente di FB.




25 commenti:

Slum King ha detto...

D'altronde il blog s'è pure chiamato Nani In Fiamme :asd:

nerosubianco ha detto...

In verità a cominciare "il complottismo" fu Berlusconi che uscito sconfitto dalle elezioni con Prodi disse "brogli". Poi in effetti Grillo lo ha trasformato in un modo di fare continuo e senza limiti.

PS: Manara è un maestro, punto!

AlmaCattleya ha detto...

Qualche mese fa ho visto in uno stand un libro sulle muse dei pittori con illustrazioni di Milo Manara. Diciamo che l'impatto non è stato molto buono guardando tipo le donne di Rembrandt (abbondanti) rifatte secondo il suo stile.
Ma dopotutto... Milo Manara è Milo Manara e non credo che rinuncerà al suo stile solo per qualche polemica sterile. Che poi non li hanno mai visti i suoi lavori?
Per il fatto che non sappia disegnare che si deve dire di Liefeld?

nicolacorticelli ha detto...

Siamo alle solite... In Italia leggiamo i titoli sensazionalistici "ad minchiam" e commentiamo e commentiamo senza costrutto. Manara è un artista e come tale si conosce benissimo il suo stile...
La Marvel ha fatto una doppia cazzata...ma non ci vedo nessuno scandalo, solo una scelta di opportunità sbagliata.

Fam ha detto...

Il problema, infatti, non è Manara ma la Marvel che ha sbagliato completamente target.

Simone Lucchina ha detto...

Ciao Rrobe,
il punto è sempre lo stesso. La gente su internet non legge. Critica e si indigna a priori senza nemmeno cercare di capire le opinioni altrui.
Sulla cover: Manara decide di abolire il vecchio costume a favore del bodypainting. Un bel tributo artistico ad uno dei più grandi capolavori di madre natura da parte di un maestro.

Tiziano Gioiellieri ha detto...

Grazie. Ti seguo sporadicamente e ti leggo a tratti. Sono un "vecchio" lettore di Dylan Dog e dei fumetti Bonelli (ho 48 anni ma li leggo da bimbetto, con mio padre in casa che comprava le striscette di Tex). Mi piace questo post. Sei chiaro su come se non ci si informa poi non ha senso dire che siamo manipolati dai media. Leggiamo in rete il "titolone in grassetto" come nei quotidiani e ci facciamo un idea (spesso) sbagliata. Approfondire, informarsi per capire e scegliere. Il mio motto è questo. E poi dopo, fare. Posto il mio punto di vista e ti ringrazio. Tiziano G.

Massimo Giacon ha detto...

uno dei tanti problemi linguistici poi è definire Manara un artista... Nemmeno lui si definisce così! In una conversazione poi mi diceva un po' sconsolatamente... " da me vogliono sempre le stesse cose". Come illustrazione erotico-supereroistica non è mica male. Se agli americani non piace è più un errore di marketing, non di Manara. Poi quelli che urlano alla "lesa maestà" di Milo sono i soliti poveretti, che hanno Vincenzo Mollica come parametro culturale. Anche Manara se la ride di gusto di questa polemicuzza.

michelangelo giacomelli ha detto...

AHAAA...
La sostituzione con l'uomo ragno mi ha fatto venire in mento uno dei primo speciali "Dylan Dog presenta Groucho"
Dove c'è una scena di sesso tra una gentil pulzella e Groucho e la didascalia che recita più o meno "di solito queste scene sono con Dylan"...
e Groucho che risponde:
"sono contento che al suo posto ci sia una donna"
Ora riderò tutto il giorno.
Comunque il gomblotto è ovunque... e tutti si dimenticano che in nella run dei Nuovi Vendicatori in realtà Jessica si è vista in vesti ben più adamitiche: a combattere nuda nella terra selvaggia e prima del ritorno di Ultron rapita da Wizard e soci e tenuta prigioniera nuda... e nessuno si è mai scandalizzato.

Daniele Brancato ha detto...

Però che Manara non sappia disegnare un po' l'hanno insinuato, con tanto di correzioni.. cosa ne pensate? http://lesstitsnass.tumblr.com/post/95253962172/its-a-two-fer-courtesy-of-dcwomenkickingass

RRobe ha detto...

Quella è una deriva di chi non ha letto. O ha letto e non capito.

luca iezzi ha detto...

Tanto per fare il precisino di Internet, Saga (quello di Vaughan e Staples) lo pubblica la Image :-))
Per il resto sono superd'accordo con tutto

mauz ha detto...

L'"articolo" del corriere è geniale e mi ha risollevato una giornata altrimenti pessima. :D

RRobe ha detto...

E chi ha specificato chi pubblica Saga?

Sapùto ha detto...

In verità il complottismo, sebbene sia un fenomeno connaturato alle genti europee (ad esempio per motivare nel popolo l'antisemitismo, incolpando ebrei e zingari delle epidemie), è un fenomeno latente nel popolo italiano almeno dal dopoguerra in poi, sfruttato ad esempio da partiti come il PCI. Semmai, t'oh, Beppe Grillo ha dato ai paranoici narcisisti come Vanoli o Bernini il palcoscenico più grande mai visto dopo i microfoni aperti di Radio Radicale negli anni settanta e ottanta.

Gloria Vitari ha detto...

Il web da la voce a chi non ha le palle/neuroni di mettere in fila due idee.
Agli italici piace il sensazionalismo da patinato di serie z.

Andrea Blubbo ha detto...

la verità è una sola: la gente non approfondisce perché semplicemente nell'epoca del tecnologico, degli aperitivi decisi sui social e dell'essere nerd ad ogni costo pochissimi sanno l'inglese come si deve per leggere anche il semplice gossip estero ed a diversi di quei pochi gli pesa pure andarsi ad informare.

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Come se fosse la prima copertina di Manara per la Marvel...
Non sanno più che polemica cacciare :S

Mario Benenati ha detto...

io non conosco bene l'inglese, per cui non potuto leggere il post originario in cui viene criticata la copertina ma, ho solo letto i tanti commenti nei vari blog italiani. Se puoi, roberto, mi e ci spiegheresti almeno i passaggi salienti di quel post?
visto che sto curando un nuovo numero della prozine Fumettomania, dedicato alle "donne nel fumetto", questa cosa mi incuriosisce e mi interessa molto. grazie

Manuel Colombo ha detto...

Qui la risposta di Manara:
http://www.fumettologica.it/2014/08/una-copertina-di-manara-per-la-marvel-fa-discutere-i-giornalisti-americani/

Alex ha detto...

Talune categorie cercano di fare polemica "a prescindere", anche dove motivi di polemica non ci sono.
Dopotutto le polemiche fanno vendere perchè la gente si incuriosisce.
Male vecchio come il mondo.

Robbè, permettemi che ti dia del tu, senti...visto che curi DyD e che vuoi il meglio, ma come lo vedi una storiella (magari piccina piccina) sceneggiata da Nebo e disegnata da zero calcare ?

'na roba pulpeggiante ma parecchio alternativa.
E faccelo sto regalo dai ;)

paolo scatolini ha detto...

trovo che le polemiche sulle pose delle super-eroine siano spesso pretestuose: tutti i supereroi maschi e femmine hanno di solito corpi scolpiti e abiti attillati che li fanno risaltare. Detto questo forse scegliere un fumettista erotico per la cover di un fumetto che erotico non è, non è stata una grande idea

paolo scatolini ha detto...

e non vuol dire che l'erotismo sia sbagliato (anzi o non possa esserci anche in un fumetto marvel, beninteso

Mario ha detto...

Scusa ma la retorica del complottismo l'ha inventata Grillo ?

Ma Giulietto Chiesa con le sue mille prove che le Torri gemelle se le siano buttate gli Americani da soli non l'hai mai sentito ? E Odifreddy che qualche mese fa parlava del complotto della shoah ? E poi tutte le altre storie che da anni si raccontano su Pearl Harbour, gli atterraggi lunari (tutti effetti speciali), gli Ufo dell Area 51 ect. non li hai mai sentiti prima di Grillo ?

Diabolico Grillo non solo è complottista ma si prende pure meriti non suoi !

Comunque sarò un ingenuo ma io alla P2 ci credo !

ApoRcalypse ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=CB6TiRJNI-Q#t=84

bell'analisi... specie lo "hooopsss" iniziale...