4.2.15

Ciao, Ade.


Oggi tutti lo ricordano come una persona disponibile e gentile.
E lo era, senza dubbio.
Ma io, nei suoi anni del fumetto, me lo ricordo come uno dal carattere difficile, provocatore, polemico, vitale, incazzoso, insofferente a certi meccanismi del sistema e a certi atteggiamenti.
Ade è stato il primo a creare un personaggio bonellide capace di battersela con quelli di Via Buonarroti e di reggere negli anni. Molti anni.
Ade è stato uno dai primi a fondare una propria casa editrice indipendente e libera, dove ha potuto raccontare le storie che gli altri non gli davano modo di raccontare e poi ha dato la stessa libertà ad altri autori, affermati e non.
Ade è stato uno capace di andarsene.

Insomma, per me, un modello.
Come ha detto meglio di me il buon Leo Ortolani, Ade ha indicato una via.
E io gli dico grazie.